Lettera di presentazione

Cosa deve contenere una lettera di presentazione?

  • I dati del mittente (nome, cognome, numero di telefono e indirizzo mail);
  • I dati del destinatario (possibilmente nome e cognome, per indirizzarla ad una persona precisa);
  • Il luogo e la data;
  • Il consenso al trattamento dei dati personali aggiornato (con riferimento al d.lgs. 196/2003: deve essere segnalato soprattutto nel Curriculum Vitae, ma indicarlo nella lettera è segno di completezza).

Vediamo come costruire la lettera di presentazione immaginando di porci tre domande:

  1. Chi sono e perché sto scrivendo?

    Rispetto alla formula  “mi chiamo Mario Bianchi, sono un ingegnere…”, scegliamo “sono un giovane laureato in …” (se ti sei laurato con il massimo e in breve tempo, puoi usare l’espressione “sono un brillante neolaureato in..”), oppure se si ha già esperienza, ci si può presentare tramite il ruolo professionale: sono un perito chimico, un marketing manager, un ingegnere elettronico, un informatico, un esperto selezionatore, un operaio specializzato, ecc.

  2. Perché la mia candidatura deve essere scelta e considerata?

    Questa è la parte più delicata, l’unica parte considerata attentamente dal lettore del vostro CV.  Dobbiamo quindi essere perspicaci, stiamo giocando una carta importante, dove inserire sinteticamente ma in maniera efficace:
    Motivazioni: perché abbiamo scelto quell’Azienda piuttosto che un’altra? chiarire quelle che ci portano a cercare una specifica posizione di lavoro e parlare dei nostri stimoli.
    Obiettivi: gli obiettivi professionali che ci poniamo a breve e a medio-lungo termine. Cosa stiamo cercando in quest’Azienda? Su quali basi pensiamo di poter raggiungere questo traguardo?
    Qualità e punti di forza: possono essere stage e tirocini, altre esperienze di lavoro, tesi e ricerche su tematiche di interesse aziendale, esperienze all’estero, la conoscenza (certificata) di più lingue ed anche un particolare interesse personale per attività strategiche dell’Azienda.

  3. Come concludiamo la nostra lettera di presentazione?

    Con la parte conclusiva possiamo appellarci dichiaratamente all’attenzione del lettore (“la ringrazio per l’attenzione”), affermando di essere a disposizione per ogni ulteriore chiarimento riguardo la candidatura e, nel frattempo, di restare in attesa di una sua risposta, invitandolo a contattarci nuovamente, indicando i nostri recapiti diretti e le nostre disponibilità.

Esistono due tipi di lettera di presentazione:

Lettera di risposta ad una inserzione: si tratta di una lettera molto breve, dove si fa riferimento al quotidiano/sito/ufficio dove è stato reperito il recapito dell’offerta e si dichiara la propria disponibilità.

Lettera di autocandidatura: in questo caso ci si rivolge ad un potenziale datore di lavoro, di cui al momento non sappiamo se stia cercando personale. La lettera sarà quindi piuttosto ampia e occorrerà indicare le motivazioni che ci spingono a cercare lavoro proprio presso quella determinata azienda.

Di seguito puoi scaricare i modelli:

Modello Lettera Risposta
Modello Lettera Autocandidatura

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin

LuccaGiovane 2016 | Tutti i diritti riservati

Il sito LuccaGiovane utilizza cookie tecnici per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione o effettuando uno scroll, l'utente dichiara di accettare. Più Info

I cookie di questo sito sono configurati in modalità "Abilita cookie" per offrire la migliore esperienza di navigazione. Proseguendo nell'utilizzo di quesot sito senza modificare le impostazioni del browser o cliccando su accetta, acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Chiudi