Lavoro alla pari

Che cos’é

Lavorare alla pari significa essere ospiti in una famiglia straniera e, in cambio di vitto, alloggio e una piccola retribuzione (‘pocket-money’ o ‘argent-de-poche’), aiutare ad accudire i bambini e a sbrigare leggere faccende domestiche. L”au pair’ costituisce una categoria specifica che non é quella di studente, né quella di lavoratore. Alla base del lavoro alla pari c’è sempre un motivo di studio: i programmi alla pari sono infatti progetti di scambi culturali per l’apprendimento e/o il perfezionamento di una lingua straniera: lavorare alla pari è quindi la soluzione più conveniente per studiare una lingua soggiornando all’estero. Sono sempre a carico dell’au pair le spese di viaggio andata e ritorno, per gli spostamenti nel paese e i costi relativi al corso di lingua (tranne quando vi siano accordi diversi con la famiglia ospitante).

Diritti e doveri

I diritti ed i doveri della persona collocata alla pari – nonché i diritti e i doveri della famiglia ospitante – devono essere concordati per iscritto, preferibilmente prima che l’au pair abbia lasciato il paese nel quale risiede o, al più tardi, durante la prima settimana del collocamento. Una copia di tale accordo sarà depositata nel paese ospitante presso l’autorità competente o presso l’organismo da essa designato. Lavorando alla pari si ricevono, in cambio del servizio prestato presso la famiglia ospitante, vitto e alloggio e, se possibile, l’uso di una camera individuale, nonché un piccolo compenso variabile da nazione a nazione. L’au pair deve disporre di tempo sufficiente per seguire corsi di lingua e perfezionarsi sul piano culturale e professionale e avere la possibilità di partecipare alle funzioni della propria religione.

Requisiti

I requisiti richiesti sono:

  • Età compresa tra i 17 e i 30 anni (anche se per la maggior parte dei paesi l’età minima è fissata a 18 anni e la massima a 27);
  • Essere nubili/celibi e senza figli e avere una conoscenza almeno basilare della lingua del paese in cui si intende soggiornare.

Spesso è richiesta la patente di guida e i fumatori non sono graditi. Requisito preferenziale è, ovviamente, precedenti esperienze positive nell’assistenza ai bambini documentabili. Solo in Austria non è previsto il collocamento alla pari dei maschi e le maggiori possibilità per i ragazzi risultano essere in Francia, nei Paesi Bassi e nei Paesi Scandinavi, sempre per un minimo di sei mesi.

Durata

Occorre offrire la propria disponibilità per un periodo che varia, a seconda delle nazioni, da un minimo di 2 ad un massimo di 12 mesi (eventualmente prorogabile per altri 12). Le famiglie richiedono, di consuetudine, un soggiorno minimo di 6 mesi, ma anche 9 o 12, con partenza all’inizio dell’anno scolastico o a gennaio. Per periodi brevi (2-4 mesi) durante l’estate o da agosto/settembre fino a Natale, le maggiori richieste provengono dalla Gran Bretagna e dall’Irlanda. In Spagna, Francia, Grecia, Germania, Austria occorre avere disponibilità per almeno 3 mesi. Il periodo di permanenza dipende comunque dagli accordi che vengono presi con l’agenzia o direttamente con la famiglia ospitante.

Tipologie e retribuzione

Il lavoro consiste essenzialmente nella cura dei bambini e nell’aiuto allo svolgimento delle faccende domestiche più leggere (spolverare, aiutare in cucina, riordinare): sono esclusi in ogni caso i lavori casalinghi più pesanti. Si può prestare questo tipo di collaborazione con varie modalità:

  • “L’au pair” tradizionale prevede un impegno di 5 ore giornaliere, più 2/3 sere di baby sitting e un giorno interamente libero la settimana (più 2/3 pomeriggi e 3/4 sere);
  • “Demi-pair” o “semipari” prevede 3 ore giornaliere di lavoro più 2/3 sere di baby sitting e un giorno libero la settimana (il demi-pair plus ha la variante di 4 ore al giorno di impegno);
  • “Au pair-plus” o “pari più”, che prevede 40 ore lavorative settimanali più 2/3 sere di baby sitting;
  • “Mother’s help” o “aiuto madre”, che prevede un impegno lavorativo di 50 ore più 2/3 sere di baby-sitting settimanali.

La ricompensa settimanale sarà di circa  € 60,00  per l’au pair standard, di  € 75,00 per l’au pair-plus, di € 120.00 per la formula mother’s help e sarà diminuita in modo proporzionale per il demi-pair.

Normativa

In ambito europeo, il collocamento alla pari è regolato dall’Accordo di Strasburgo adottato dal Consiglio d’Europa il 24/11/1969 e ratificato dall’Italia con la Legge n. 304 del 18/05/73.
Al momento i paesi che hanno aderito all’Accordo risultano essere: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi (Olanda), Portogallo, Spagna, Svezia.

Documenti necessari

L’unico documento che un cittadino della Unione Europea (UE) deve presentare per il soggiorno alla pari in un altro paese membro, è un certificato medico di buona salute datato al massimo tre mesi prima dell’inizio del collocamento alla pari. Occorrono inoltre una lettera di presentazione alla famiglia, redatta in lingua del paese dove l’au pair vuole candidarsi (con gli interessi personali, gli studi compiuti e la ragioni per le quali s’intende vivere questa esperienza) e una lettera di referenze redatta da un adulto che attesti esperienze di baby sitting. Per un cittadino comunitario è possibile soggiornare in un altro Stato dell’UE senza alcuna formalità particolare (in alcuni paesi occorre segnalare la propria presenza alle autorità locali) per un periodo di sei mesi, anche se, in alcune nazioni, il limite è fissato a tre. Superato questo periodo occorrerà dimostrare di avere reali possibilità di trovare lavoro e, contemporaneamente, sarà necessario richiedere la carta di soggiorno (con modalità e condizioni variabili da paese a paese).

Assicurazioni e assistenza medica

L’assistenza medica nei paesi dell’UE è garantita e spesso gratuita per un periodo di tre mesi (spesso prorogabili se si dimostra di essere iscritti ad un corso di lingua presso una scuola locale). Dal 1/06/2004 è stata avviata l’introduzione progressiva della TEAM – Tessera Europea di Assicurazione Malattia o European Health Card o più comunemente Carta sanitaria europea, che è un documento con validità in tutti i paesi membri e assicura l’assistenza sanitaria riducendo gli ostacoli burocratici e le barriere linguistiche. Fino alla fine del 2005 (termine ultimo per l’adozione della nuova tessera) saranno valide sia la Carta, sia il modello E-111 attualmente in uso, da richiedere all’A.S.L – Azienda Sanitaria Locale territoriale prima della partenza. E’ possibile acquistare anche polizze assicurative private, che spesso vengono stipulate dalla famiglia ospitante.

Nei Paesi non appartenenti all’Unione Europea (UE)

Per lavorare alla pari nei paesi che non appartengono all’Unione Europea occorre documentarsi attentamente sulle varie disposizioni vigenti nel paese prescelto, ottenere un permesso di lavoro e stipulare prima della partenza un’assicurazione privata per la copertura sanitaria. Per lavorare alla pari negli Stati Uniti è necessario avere un’età compresa tra 18 e 26 anni, avere una buona conoscenza della lingua inglese ed essere in possesso di diploma di scuola media superiore e patente di guida. Si dovrà inoltre essere non fumatori e disponibili al soggiorno alla pari per 1 anno. E’ richiesto il visto ‘J-1’, rilasciato dal Governo statunitense alle sole agenzie che offrono programmi autorizzati. Ci si occupa solo della cura dei bambini; sono quindi esclusi tutti i lavori domestici. Si avrà diritto al viaggio andata e ritorno gratuito, ad un corso di orientamento, ad un compenso settimanale di circa 140 $ per 40/45 ore di lavoro, con un giorno e mezzo di libertà settimanale e al pagamento di un corso di lingua obbligatorio da svolgersi presso istituti di istruzione secondaria. Solitamente viene richiesto, da parte delle agenzie preposte all’organizzazione del soggiorno, una quota d’iscrizione e contributo per le spese amministrative di 500 $.

Modalità di accesso

Per essere collocati alla pari ci si può rivolgere alle organizzazioni private che operano nel settore che fungono da intermediari tra gli interessati e le famiglie che hanno avanzato richieste di un ospite au pair. Tra le agenzie di collocamento alla pari alcune (di norma quelle sul posto) non applicano alcuna tassa di partecipazione al programma da parte di cittadini stranieri. Per ulteriori informazioni sulle loro offerte ci si può rivolgere anche agli sportelli EURES – European Employment Services, servizi pubblici diffusi su tutto il territorio dei paesi della UE tramite gli Euroconsiglieri, reperibili all’indirizzo internet europa.eu. Tutte le agenzie italiane richiedono, per il servizio di intermediazione offerto, una quota d’iscrizione e, nella maggior parte dei casi, una di partecipazione al programma.

Siti utili: aupair-world, iapa,, aupair

a Lucca
livingaupair
In Italia
arceaupair welcomeagency aupaireducation celticchildcare
3esse wep-italia becasse mbscambi
aupaireurope stitravels culturalcare euroma
assteps indirizzoinghilterra
Aupairinamerica

il programma permette ai ragazzi di tutto il mondo, dai 18 ai 26 anni di età, di lavorare e studiare per un anno negli Usa, vivendo in famiglie americane e occupandosi dei loro bambini in cambio di vitto, alloggio e uno stipendio settimanale di circa 200 dollari. La famiglia ospitante pagherà inoltre dei corsi in un college a sua scelta, per un ammontare di 500 dollari (3 ore di studio a settimana). Il costo è di 550 , compreso volo a/r (dopo un anno) per gli Usa, soggiorno in hotel a NY per quattro giorni e orientamento, inoltre il trasferimento dall’hotel alla famiglia. L’assicurazione medica di base è pagata dalla famiglia.

Tutte le info qua.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin

LuccaGiovane 2016 | Tutti i diritti riservati

Il sito LuccaGiovane utilizza cookie tecnici per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione o effettuando uno scroll, l'utente dichiara di accettare. Più Info

I cookie di questo sito sono configurati in modalità "Abilita cookie" per offrire la migliore esperienza di navigazione. Proseguendo nell'utilizzo di quesot sito senza modificare le impostazioni del browser o cliccando su accetta, acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Chiudi