Riconoscimento titoli

Il riconoscimento  dei titoli è uno strumento finalizzato alla promozione della libera circolazione degli studenti e dei lavoratori a livello internazionale ed in particolare nell’UE.
Il riconoscimento prevede una sintetica valutazione del titolo straniero e la definizione di una corrispondenza di livello. I titoli accademici e professionali vengono  riconosciuti a livello europeo sulla base della seguente normativa comunitaria:

  • Convenzione sul riconoscimento dei titoli di studio relativi all’insegnamento superiore nella Regione europea, firmata a Lisbona l’11 aprile 1997;
  • Direttive europee sul riconoscimento dei titoli professionali.

Il riconoscimento non è automatico

Non esiste un meccanismo automatico per il riconoscimento dei titoli accademici a livello europeo. Di conseguenza, coloro che hanno intenzione di proseguire gli studi in un altro paese dell’UE, dovranno rivolgersi alle autorità competenti per ottenere il riconoscimento del proprio titolo di studio. Coloro che hanno già deciso di completare una parte degli studi all’estero, prima di partire devono verificare che il paese in cui hanno scelto di recarti riconosca il titolo di studio. I sistemi d’istruzione rientrano nelle competenze delle autorità nazionali dei paesi dell’UE, le quali determinano le norme da applicare, comprese quelle relative al riconoscimento dei titoli accademici conseguiti all’estero.

Ottenere l’equipollenza della laurea

Nella maggior parte dei casi, è possibile ottenere un “certificato di equipollenza” del diploma di laurea, che equipara il  titolo di studio a quelli del paese in cui si desidera trasferirsi. A tal fine, è necessario contattare il centro ENIC/NARIC del paese in cui si desidera ottenere l’equipollenza, vale a dire il proprio paese di origine se si ritorni dopo gli studi, oppure un altro paese dell’UE se si vuole andare a lavorare o a proseguire gli studi. A seconda del paese in cui i diplomi vengono valutati e dello scopo di tale valutazione, il centro ENIC/NARIC si occuperà direttamente della pratica o la trasferirà all’autorità competente. Prima di chiedere l’equipollenza, è consigliato accertarsi:

  • Dell’eventuale costo del servizio;
  • Della durata della valutazione – occorrono diverse settimane o più mesi a seconda del paese;
  • Dello scopo e della complessità della pratica del documento che verrà rilasciato

Potrebbe trattarsi di una piena equipollenza o di una relazione comparativa di cosa si può fare se non si condivide l’esito della valutazione (come presentare ricorso). E’ consigliabile fornire la documentazione nel formato Europass (come il supplemento al diploma), in modo che il diploma possa essere più facilmente confrontato e riconosciuto.

Strumenti aggiuntivi

A livello europeo, esistono una serie di strumenti creati appositamente per facilitare la comprensione e rendere più trasparente alle istituzioni universitarie o ai datori di lavoro stranieri i titoli acquisiti.
Questi strumenti includono:

Fonte: europa.eu

Contatti:

NARIC Italia – CIMEA
Italian ENIC/NARIC centre
Viale Ventuno Aprile, 36
I – 00162 Rome, Italy
E-mail: cimea@fondazionerui.it
Web site: www.cimea.it

Ente promotore: Rete Enic-Naric
Siti di riferimento: Sito della Rete Enic-Naric

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin

LuccaGiovane 2016 | Tutti i diritti riservati

Il sito LuccaGiovane utilizza cookie tecnici per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione o effettuando uno scroll, l'utente dichiara di accettare. Più Info

I cookie di questo sito sono configurati in modalità "Abilita cookie" per offrire la migliore esperienza di navigazione. Proseguendo nell'utilizzo di quesot sito senza modificare le impostazioni del browser o cliccando su accetta, acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Chiudi