Come iniziare

Perchè lo voglio fare? Che cosa voglio fare? Dove lo voglio fare? Come lo voglio fare?

 

L’ipotesi di avviare un’attività in proprio nasce da motivazioni diverse, sia di carattere personale, come il desiderio di mettersi in gioco, la speranza di ottenere maggiori soddisfazioni economiche rispetto al lavoro dipendente, sia di carattere “ambientale”, come nel caso di elevati tassi di disoccupazione, o nel caso in cui siano previsti finanziamenti agevolati nel territorio. Senza dubbio avviare un’impresa richiede una buona conoscenza del proprio carattere, attitudini, competenze e capacità, ma anche un’attenta valutazione del contesto in cui vuole operare, nonché del mercato di riferimento.

Spesso,infatti, capita che, presi dall’entusiasmo per la propria idea, non viene dedicata, nella fase precedente l’avvio dell’attività, una sufficiente attenzione a valutare con realismo le prospettive di un effettivo successo commerciale. Nello stesso tempo, non viene dato il giusto peso al fatto che lavorare in proprio comporta una serie di sacrifici dovuti ad orari di lavoro spesso prolungati e di talenti personali o “assi nella manica” com

e la propensione al rischio, la creatività, la capacità di lavorare in gruppo e più in generale di trattare con le persone.  Un consiglio basilare è quello di passare dal momento in cui si fantastica, a quello in cui i vari elementi di un’idea vengono messi nero su bianco.

Perchè lo voglio fare?

Questa prima fase di riflessione ti permette di verificare la tua “mentalità imprenditoriale” ed individuare eventuali vincoli che ti impediscono di diventare imprenditrice di successo.

success-937892_1920

Che cosa voglio fare?

Il secondo passo consiste nel cercare di focalizzare l’idea: dovresti immaginare la tua impresa e descriverla.
Ti accorgerai che tra il dire e il fare….c’è di mezzo un mare!

Dove lo voglio fare?

Questa fase è di fondamentale importanza poiché consiste nell’analizzare e capire il settore ed il mercato di riferimento.

Come lo voglio fare?

Un Business plan è composto da tre parti :

I parte:

Creare un ‘impresa è una cosa graduale, da farsi passo dopo passo, prima a livello di progetto, poi con il lavoro di tutti i giorni. Il Business plan è appunto il progetto d’impresa, perché consente di verificare la reale fattibilità dell’iniziativa sotto diversi profili, tecnico, commerciale, economico, finanziario, e costituisce una guida operativa per i primi periodi di gestione. Esso rappresenta anche una tappa fondamentale per accedere ad un finanziamento.
Essa deve contenere una sintetica descrizione dell’idea imprenditoriale, di come essa è nata e si è sviluppata. La credibilità dell’aspirante imprenditore è estremamente importante, perciò il progetto di impresa deve fornire un profilo significativo del titolare (attitudini, aspirazioni ,motivazioni, studi effettuati, esperienze lavorative).

II parte:

Fa riferimento a fattori di tipo oggettivo, evidenziando con dati concreti l’esistenza di reali prospettive di successo. L’attendibilità delle informazioni e dei dati riportati nel progetto è molto importante. La riflessione dovrà concentrarsi su:

carrer

Clicca sull’immagine e scarica la tua copia dal sito!

  • Concorrenti;
  • Clienti;
  • Strumenti e strutture di produzione;
  • Profitti;
  • Finanziamenti necessari.
III parte:

Alla redazione della parte tecnico-operativa del progetto deve quindi seguire la stesura :

  • Di preventivi parziali o di funzione ( relativi ad ogni fondamentale attività: produttiva, commerciale, amministrativa..);
  • Del preventivo parziale ( relativo cioè all’impresa nel suo complesso).

I preventivi parziali (preventivo di marketing, preventivo degli investimenti, preventivo di produzione…)costituiscono una articolazione interna del preventivo globale). Tali cifre confluiscono nei preventivi di sintesi che rappresentano formalmente dei preventivi di lungo periodo e che costituiscono , nel loro complesso, il preventivo globale.

HAI PENSATO AL COWORKING PER INIZIARE?

Si affittano scrivanie, rete Wi-Fi, sale riunioni…per un’ora, per un giorno, un mese, un anno.

Questo nuovo modo di lavorare è un fenomeno in forte espansione, perché permette di avere un ufficio a disposizione con tutti i servizi annessi, ma con un impegno economico ridotto. Ma non solo, le relazioni tra coworkers con competenze diverse o complementari, permettono di ampliare produttività e idee. A chi si avvicina ad un ufficio in coworking, generalmente viene offerta, a fronte di una quota fissa, una postazione personale, la connessione internet ADSL con LAN e/o Wi-Fi, una linea telefonica, l’uso di stampanti-fotocopiatrice e fax, riscaldamento e aria condizionata, l’uso della sala riunioni su prenotazione, servizio di pulizie, servizi igienici, un’area ristoro.

Trova uno spazio di coworking a Lucca

Anche La Regione Toscana ha valorizzato e riconosciuto il tema del coworking attraverso la costituzione di un elenco qualificato di soggetti fornitori di coworking in Toscana. Consulta l’elenco qualificato (aggiornato a settembre 2015)

 

 

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin

LuccaGiovane 2016 | Tutti i diritti riservati

Il sito LuccaGiovane utilizza cookie tecnici per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione o effettuando uno scroll, l'utente dichiara di accettare. Più Info

I cookie di questo sito sono configurati in modalità "Abilita cookie" per offrire la migliore esperienza di navigazione. Proseguendo nell'utilizzo di quesot sito senza modificare le impostazioni del browser o cliccando su accetta, acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Chiudi