Stage & Tirocini all’Estero

Stage e tirocini sono il primo passo per entrare nel mondo del lavoro. Preferibilmente, andrebbero svolti durante il percorso di studi o comunque entro 12 mesi dal conseguimento del titolo. I vantaggi di un’esperienza di stage all’estero sono molteplici, come la capacità di lavorare comunicando in un’altra lingua, la capacità di adattamento, quella di creare una rete di contatti utili per il proprio futuro e quella di implementare di competenze il proprio curriculum vitae. Per fare un’esperienza di stage all’estero è possibile seguire la ricerca autonoma oppure affidarsi ad agenzie specializzate. Nella ricerca autonoma la strada da seguire è quella di individuare e contattare l’azienda o il gruppo di aziende del settore di interesse, consultando le offerte di tirocinio dei vari siti specializzati o inviando direttamente la propria candidatura.

Alcuni siti europei di riferimento:
  • Eurodesk: informazioni sulle opportunità di apprendimento in Europa, programmi europei e borse di studio;
  • Portale europeo dei giovani: informazioni sulle opportunità di studio e lavoro nei diversi Paesi dell’UE;
  • La tua Europa: mobilità per i cittadini in Europa

A partire dal 2014, il Programma LLP (Lifelong Learning Programme) è stato sostituito da Erasmus Plus che promuove azioni di mobilità transnazionale con l’obiettivo di migliorare le competenze, lo sviluppo personale e l’occupabilità delle persone, aiutandole ad acquisire maggiori e migliori qualifiche attraverso l’utilizzo delle opportunità di studio e lavoro all’estero. Maggiori informazioni sulle possibilità di tirocinio sono disponibili nella sezione traineesheep di Erasmus Plus. Le istituzioni europee offrono una vasta gamma di tirocini per studenti e laureati, che costituiscono un’occasione unica per fare esperienza con il funzionamento delle istituzioni e le attività generali dell’UE. Caratteristiche e durata del tirocinio varia a seconda dell’istituzione.

Siti di riferimento:
  • Elenco delle istituzioni europee presso cui è possibile svolgere uno stage;
  • EPSO: piattaforma con informazioni dettagliate sulle opportunità di carriera presso istituzioni europee.

Ci sono due tipi di progetti per i tirocinanti:

  • Tirocini nelle Organizzazioni Internazionali: La maggior parte delle organizzazioni internazionali offre a laureandi e neolaureati la possibilità di effettuare un periodo di tirocinio (o stage), in genere di pochi mesi, all’interno delle proprie strutture. Requisiti essenziali sono la conoscenza della lingua inglese e/o francese e, preferibilmente, una delle altre lingue dei Paesi ONU. Il numero dei candidati ammessi e la durata del tirocinio variano da istituzione ad istituzione. Gli interessati possono rivolgere la propria candidatura direttamente alle Organizzazioni, inviando un curriculum o il modulo disponibile nei siti web delle rispettive organizzazioni.

Per maggiori informazioni visita il sito del Ministero Degli Affari Esteri.

  • Tirocini nelle Organizzazioni non governative: Le ONG impegnate nei settori della cooperazione internazionale offrono programmi di stage per giovani studenti e laureati. Nelle pagine dedicate del sito del Ministero degli Affari Esteri è presente un database con motore di ricerca di ONG, programmi studio e lavoro, opportunità di borse e stage.
Agevolazioni con Garanzia giovani e Your First Eures Job:

Entrambi i progetti ti permettono di poter lavorare all’estero con alcune agevolazioni. Nel dettaglio, Garanzia Giovani incoraggia la mobilità dei giovani lavoratori (fino a 29 anni)in Italia e negli altri paesi dell’Unione Europea attraverso un voucher che copre i costi di viaggio e alloggio per la durata di 6 mesi. Se sei interessato, puoi rivolgerti al Servizio per l’Impiego per avere:

  • Informazioni sulle possibilità di lavoro in Italia e in Europa;
  • Supporto alla ricerca dei posti di lavoro;
  • Assistenza nelle pratiche di assunzione

Questo sostegno alla mobilità professionale si rivolge sia ai giovani alla ricerca di sbocchi professionali in Europa sia alle imprese interessate ad assumere personale in altri paesi europei. Al fine di facilitare la libera circolazione dei lavoratori nell’UE, è fondamentale il ruolo dei Servizi competenti, come la Rete EURES, la rete europea dei Servizi Per l’Impiego, coordinata dalla Commissione Europea, a cui partecipano anche i sindacati e le organizzazioni dei datori di lavoro. La Rete Eures in Italia si compone di 64 consulenti (Eures Advisers) e circa 400 referenti dislocati su tutto il territorio nazionale che svolgono attività di consulenza e servizio di collocamento, gli Eures Adviser forniscono informazioni sul mercato del lavoro europeo e favoriscono l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Promuovono, inoltre, la cooperazione transnazionale e transfrontaliera, aiutando a rimuovere gli ostacoli alla mobilità come ad esempio le differenze nella legislazione e nelle procedure amministrative tra i diversi paesi europei.

Tutte le info qua.

Per quanto riguarda Your First Eures Job, il progetto offre un sostegno finanziario ai giovani, suddiviso in due tipi principali di contributi finanziari (forfettari):

  • il primo è collegato al viaggio verso un Paese diverso dal proprio, per un colloquio di lavoro;
  • Il secondo è relativo al trasferimento e alla sistemazione in un altro Paese per avviare il nuovo lavoro, apprendistato o tirocinio.

Tutte le info qua.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin

LuccaGiovane 2016 | Tutti i diritti riservati

Il sito LuccaGiovane utilizza cookie tecnici per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione o effettuando uno scroll, l'utente dichiara di accettare. Più Info

I cookie di questo sito sono configurati in modalità "Abilita cookie" per offrire la migliore esperienza di navigazione. Proseguendo nell'utilizzo di quesot sito senza modificare le impostazioni del browser o cliccando su accetta, acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Chiudi