Microcredito per le piccole imprese, a gennaio le domande.

Torna il microcredito per sostenere nuove imprese femminili e giovanili – e per questo l’intervento rientra all’interno del progetto Giovanisì, dedicato dalla Regione alla promozione dell’autonomia dei giovani -, destinato inoltre anche ad imprese create da lavoratori assistiti da ammortizzatori sociali. Sarà “Toscana Muove”, con capofila la finanziaria FidiToscana, a gestirlo. Dal 4 gennaio si potranno inoltrare le richieste attraverso il suo portale.

Si tratta di prestiti a tasso zero,  da restituire in sette anni, pari al 70 per cento dei costi ammessi fino ad un massimo di 24.500 euro. Ipotizzando finanziamenti medi da 20 mila euro, ne potranno beneficiare oltre 450 imprese. Ma con le economie e i rientri del fondo dei prestiti del bando 2015, altre risorse si aggiungeranno.

Si potrà fare domanda da tutta la Toscana e la potranno inoltrare sia le micro e piccole imprese già costituite (ma da non più di due anni) sia persone fisiche che intendono avviare una nuova attività entro sei mesi. Per le imprese giovanile è necessario che gli imprenditori non abbiano più di quarant’anni.

Si potrà chiedere un finanziamento su progetti di investimento da 8mila a 35mila euro, che siano pronti e conclusi entro nove mesi. Saranno ammesse tutte le spese sostenute a partire dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda. Il prestito varrà per l’acquisto di macchinari, attrezzature e altri beni funzionali all’attività di impresa, anche opere murarie connesse all’investimento (ma che varranno solo per il 50 per cento), diritti di brevetti, licenze, altre forme di proprietà intellettuale  o spese per capitale circolante (nella misura del 30 per cento del programma di investimento ammesso).

Il bando e la modulistica saranno disponibile sia sul portale “Toscana Muove” (numero verde 800.327723) sia sul sito Giovanisì, www.giovanisì.it, all’indirizzo www.giovanisi.it/bando/creazione-di-impresa-microcredito-2 (numero verde 800.098.719).

“L’economia e l’occupazione toscana, come del resto quella nazionale, sta ancora vivendo un momento critico, penalizzata dal raffreddamento degli scambi commerciali innescato dall’epidemia da Covid-19 – commenta l’assessore regionale Leonardo Marras –  Per questo, nel rimbalzo atteso per il 2021, vogliamo sostenere la nascita di nuove aziende, di giovani, di donne e di lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali. Sarà importante, assieme ad altre misure, per il  rilancio dell’intera economia della regione”.

I finanziamenti saranno concessi, come si suol dire, a sportello: ovvero i progetti saranno finanziati secondo l’ordine cronologico di arrivo della domanda. Se presentati lo stesso giorno, avranno priorità prima le imprese ubicate in aree di crisi, poi le imprese giovanili, quindi le imprese femminili, quelle che si sono servite o si serviranno di incubatori di impresa, le aziende che aumenteranno l’occupazione e le imprese che si trovano nelle cosiddette aree interne, ovvero i territori marginali più distanti dai servizi essenziali.

Fonte: sito Regione Toscana

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin

LuccaGiovane 2018 | Tutti i diritti riservati

Il sito LuccaGiovane utilizza cookie tecnici per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione o effettuando uno scroll, l'utente dichiara di accettare. Più Info

I cookie di questo sito sono configurati in modalità "Abilita cookie" per offrire la migliore esperienza di navigazione. Proseguendo nell'utilizzo di quesot sito senza modificare le impostazioni del browser o cliccando su accetta, acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Chiudi