Codice rosa

codicerosalogoregionale

Un percorso speciale per chi subisce violenza

Il Codice Rosa identifica un percorso di accesso al pronto soccorso riservato a tutte le vittime di violenza, senza distinzione di genere o età. Il codice viene assegnato insieme al codice di gravità, da personale addestrato a riconoscere segnali non sempre evidenti di una violenza subita, anche se non dichiarata. Quando viene assegnato un Codice Rosa, si attiva il gruppo operativo composto da personale sanitario (medici, infermieri, psicologi) e dalle forze dell’ordine. Il gruppo operativo dà cura esostegno alla vittima, avvia le procedure di indagine per individuare l’autore della violenza e se necessario attiva le strutture territoriali. Al codice è dedicata una stanza apposita all’interno del pronto soccorso.

Il progetto

Il Codice Rosa nasce nel 2010 nell’Azienda USL 9 di Grosseto come progetto pilota. Nel 2011 con la sottoscrizione del protocollo d’intesa tra la Regione Toscana e la Procura Generale della Repubblica di Firenze, diventa progetto regionale. Dal gennaio 2012 prende avvio la sperimentazione nelle Aziende sanitarie di Arezzo, Lucca, Prato, Viareggio e Grosseto. Dal 2014 il Codice Rosa è attivo in tutte le Aziende sanitarie e ospedaliere della Toscana.

Come funziona

Il Codice Rosa serve a coordinare e mettere in rete le diverse istituzioni e le loro relative competenze, per dare una risposta il più efficace e tempestiva possibile alle vittime di violenza.
Il gruppo operativo interforze composto dai rappresentanti dell’ASL, Procura, Forze dell’Ordine, Comune, Centro Antiviolenza, Centro per il recupero dei soggetti maltrattanti e Case rifugio operano attraverso procedure condivise. Queste procedure hanno lo scopo di assicurare un corretto repertamento degli elementi di prova con la redazione di una nuova e più approfondita cartella clinica in grado di fornire dati utili anche all’Autorità Giudiziaria.
In questo modo si riducono i tempi di indagine e si attiva la rete territoriale per la presa in carico della vittima, successiva all’intervento di primo soccorso.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin

LuccaGiovane 2016 | Tutti i diritti riservati

Il sito LuccaGiovane utilizza cookie tecnici per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione o effettuando uno scroll, l'utente dichiara di accettare. Più Info

I cookie di questo sito sono configurati in modalità "Abilita cookie" per offrire la migliore esperienza di navigazione. Proseguendo nell'utilizzo di quesot sito senza modificare le impostazioni del browser o cliccando su accetta, acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Chiudi