Camminata tra gli olivi a piedi o in bicicletta

Nell’anno dedicato al cibo italiano in Toscana le Città dell’Olio celebrano il paesaggio e la millenaria cultura dell’olio domenica 28 ottobre con la seconda edizione della Camminata tra gli olivi.

Nuovi itinerari e suggestive passeggiate nell’Italia dell’olio extravergine con la giornata nazionale per valorizzare territorio e produzioni, che vanta la partecipazione di ben 17 Comuni nelle province di Firenze, Siena, Pisa, Grosseto, Arezzo e Livorno.

Anche quest’anno oltre 120 città in tutta Italia hanno raccolto l’invito dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio allestendo la propria passeggiata (dai 2 ai 5 chilometri) arricchita da incontri, itinerari, degustazioni, nella cornice di un evento che con la prima edizione si è subito trasformato in un driver turistico nazionale.

GLI ITINERARI – A Pisa frantoi, terrazzamenti a secco, panorami di rara bellezza con boschi, oliveti, vigneti e una campagna lavorata con maestria e la vista aperta del mare, con percorsi da fare anche in bicicletta. A Siena le mura di Monteriggioni e le torri di San Gimignano, l’incredibile paesaggio delle crete e la suggestione degli insediamenti etruschi. La campagna tra oliveti e vigneti, i frantoi e le cantine, le strade bianche costeggiate da oliveti e fattorie e l’esperienza della lavorazione dell’oliva, completano l’offerta. Ad Arezzo un percorso che parte e arriva ai due frantoi locali, si addentra negli uliveti di Todiolo, Cà de Bardi, Santa Margherita, Santa Cristina e Caprile senza dimenticare gli antichi mulini. Le colline fiorentine accendono i riflettori su Calanchi e colline terrazzate, intensamente coltivate a vite e soprattutto a olivo e punteggiate dalle maestose pievi. A Livorno infine il paesaggio olivicolo annovera esemplari storici, piante secolari ancora cinte in chiudende murate.

Per scegliere il proprio itinerario o solo per saperne di più basta un click:

È on line il sito www.camminatatragliolivi.it per scaricare subito il programma della giornata e trovare notizie sul territorio, il paesaggio, la storia.

L’Associazione Nazionale Città dell’Olio, con i suoi oltre 320 soci tutti enti pubblici (Comuni, Province, CCIAA, Parchi e GAL) tutela il territorio olivicolo e si batte per la valorizzazione dei paesaggi rurali e per l’inserimento di aree territoriali olivicole di valore storico nel prestigioso Registro Nazionale dei Paesaggi Rurali Storici del Ministero delle Politiche Agricole.

 

Fonte: http://www.gonews.it

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin

LuccaGiovane 2018 | Tutti i diritti riservati

Il sito LuccaGiovane utilizza cookie tecnici per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione o effettuando uno scroll, l'utente dichiara di accettare. Più Info

I cookie di questo sito sono configurati in modalità "Abilita cookie" per offrire la migliore esperienza di navigazione. Proseguendo nell'utilizzo di quesot sito senza modificare le impostazioni del browser o cliccando su accetta, acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Chiudi