ALINA DITOT. GENESIS. LA TELA FERITA

Sabato 9 settembre, alle ore 17:30, presso Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art si terrà l’inaugurazione della mostra dedicata a Alina Ditot: artista rumena autodidatta, ha iniziato a esporre in giovane età ottenendo ampi riscontri di critica; tra i più significativi esponenti dell’arte informale, erede di artisti quali L. Fontana, J.  Pollock e A. Burri, ha elaborato un originale linguaggio artistico – contraddistinto da un trattamento particolare della tela, strappata per poi essere “ricucita” mediante  legature con lo spago – attraverso cui ha indagato aree nodali del mondo contemporaneo (si citano qui opere quali Blood of Auschwitz o la fortunata serie delle Croci di Ditot sul tema delle morti in mare dei migranti). “Eretica del segno”, angosciata violatrice della tela che ferisce con sgarri e bombarda con la violenza del colore talvolta fino a creare stratificazioni materiche che trasformano l’opera pittorica in scultura ricostruendo visualmente i drammi esistenziali generati dalle lacerazioni dell’oggi, la sua cifra stilistica è sostanziata anche da temi baudelaireiani, dall’analisi dell’inconscio e da richiami danteschi. Artista poco prolifica, le cui opere sono custodite presso importanti collezioni private italiane ed estere, nel 2014 D. ha partecipato alla Grande Exposition Universelle tenutasi a Parigi all’interno della Torre Eiffel, e nel 2016 è stata insignita del premio per la pittura astratta alla Biennale di Salerno per l’opera I sette peccati ditottiani.

A Lucca la mostra sarà aperta fino al 1 ottobre 2017, da martedì a domenica 10-19, chiuso lunedì.
Ingresso libero

 

 

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin

LuccaGiovane 2016 | Tutti i diritti riservati

Il sito LuccaGiovane utilizza cookie tecnici per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione o effettuando uno scroll, l'utente dichiara di accettare. Più Info

I cookie di questo sito sono configurati in modalità "Abilita cookie" per offrire la migliore esperienza di navigazione. Proseguendo nell'utilizzo di quesot sito senza modificare le impostazioni del browser o cliccando su accetta, acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Chiudi