Lu.C.C.A.: Mostra – Storie del Novecento in Toscana

Dal 25 gennaio al 31 maggio 2020

Il Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art ospiterà dal 25 gennaio al 31 maggio 2020 una nuova grande mostra dal titolo “Storie del Novecento in Toscana. Soffici, Viani, Rosai, Maccari, Marcucci, Venturi: dal ritorno all’ordine alla conquista del disordine”, a cura di Maurizio Vanni e Piero Pananti.

La mostra, composta da circa ottanta opere tra sculture, grandi dipinti e disegni, sarà suddivisa in sei piccole esposizioni personali che si svilupperanno all’interno delle otto sale del museo.

L’esposizione parte dal presupposto che l’identità di un territorio, la sua tradizione, l’essere stato punto di riferimento per la cultura mondiale nell’arco di diversi secoli, non mettono mai in dubbio la dirompente forza del passato. Anzi: lo confermano anche quando sembrano violarlo. E’ una Toscana, quella del Novecento, che unisce tradizione e avanguardia, classicità e modernismo, accademismo e evoluzione, finito e infinito, “ritorno all’ordine” e “conquista del disordine”. Un periodo fertile, il Novecento, che vede il superamento dell’esperienza futurista e porta artisti ed intellettuali a rivedere i propri pensieri circa le Avanguardie: si cercano, piuttosto, risposte rassicuranti ancorandosi al passato. Si guarda indietro per ritrovare nella cultura quell’identità nazionale che avrebbe dovuto fare da collante tra gli italiani di fronte al resto del mondo. Un pezzo della nostra storia collettiva che, anche per questo, merita di essere approfondito e riletto.

Fonte: https://www.luccamuseum.org

 

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin

LuccaGiovane 2018 | Tutti i diritti riservati

Il sito LuccaGiovane utilizza cookie tecnici per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione o effettuando uno scroll, l'utente dichiara di accettare. Più Info

I cookie di questo sito sono configurati in modalità "Abilita cookie" per offrire la migliore esperienza di navigazione. Proseguendo nell'utilizzo di quesot sito senza modificare le impostazioni del browser o cliccando su accetta, acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Chiudi