BONUS BEBE’ e BONUS NIDO 2018

Bonus Bebè e Bonus Asilo Nido sono 2 delle iniziative della Legge di Bilancio che si rivolgono alle famiglie. Vediamo in dettaglio cosa sono, le differenze e come richiederli.

BONUS BEBE’ 2018

Il Bonus Bebè è una delle tante iniziative comprese nell’ambito della Legge di Bilancio. Per il 2017 sono stati stanziati 600 milioni di euro per le famiglie italiane. Per il 2018, invece, si prevede una copertura di 700 milioni, soldi che finanzieranno anche il Bonus Bebè 2018.

Il Bonus Bebè è un assegno mensile di 80 euro alle famiglie con Isee inferiore ai 25mila euro. Ecco le differenze con il Bonus Asilo Nido e le coperture finanziarie per il prossimo anno.

Il Bonus Bebè è quell’assegno di 80 euro riservato alle famiglie che hanno un Isee inferiore ai 25mila euro. Viene versato con cadenza mensile dall’Inps e ha una validità di tre anni, ovvero fino al terzo anno di vita del bambino.

Tutti coloro che hanno intenzione di fare un figlio nel 2018 possono già organizzarsi per la richiesta del Bonus Bebè 2018.

La domanda può essere presentata entro 90 giorni dalla nascita o dalla data d’ingresso del bimbo nel nucleo familiare. Per poter richiedere l’assegno bisogna prima presentare una Dichiarazione Sostitutiva Unica: nel nucleo familiare deve essere presente il figlio per il quale si richiede l’assegno. La domanda deve essere presentata online sul sito dell’Inps una sola volta per ogni figlio. Ecco i requisiti:

  • Il genitore che fa domanda deve avere cittadinanza italiana, di uno Stato dell’Unione Europea o un regolare permesso di soggiorno;
  • avere la residenza in Italia;
  • convivere con il figlio (devono cioè abitare nello stesso comune);
  • avere un Isee non superiore ai 25mila euro annui al momento della richiesta e per tutta la durata del beneficio. In caso di nascita di gemelli, è comunque obbligatorio presentare la domanda per ciascun minore.

Visita il sito INPS per scoprire di più e fare domanda: https://www.inps.it/NuovoportaleINPS/default.aspx?itemdir=50096&lang=IT

BONUS NIDO 2017

Il Bonus Nido è un contributo di massimo 1.000 euro, per il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati e di forme di assistenza domiciliare in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.Viebe erogato mensilmente, su 11 mensilità, per un importo massimo di 90,91 euro direttamente al beneficiario che ha sostenuto il pagamento, per ogni retta mensile pagata e documentata.

Questo bonus per l’infanzia è stato introdotto con la Legge di Bilancio 2017 e nella circolare INPS  n°88 del 22 maggio 2017, sono state indicate tutte le modalità per l’invio della domanda che può essere effettuata dal 17 Luglio al 31 Dicembre 2017.

Nel decreto attuativo è stato stabilito che possono richiedere il Bonus Nido tutte quelle famiglie che:

  • hanno un figlio nato dal 1° gennaio 2016;
  • lo iscrivono ad un asilo nido.

Tra i requisiti del Bonus Nido non figura il limite ISEE, quindi possono farne richiesta tutte le famiglie indipendentemente dalla soglia di reddito.

Possono richiedere il bonus anche le famiglie nelle quali c’è un bambino al di sotto dei tre anni affetto da una malattia che gli impedisce di frequentare il nido. In questo caso, i 1.000€ sono spendibili per garantire assistenza a domicilio al bambino affetto da patologia cronica.

Essendo valido per tutto il 2017, il Bonus Nido può essere richiesto sia per il rimborso delle rette scolastiche per il periodo che va da gennaio a luglio 2017 che per l’iscrizione all’a.s. 2017/2018.

Nel primo caso il genitore richiedente dovrà allegare alla domanda la documentazione relativa all’avvenuto pagamento delle rette, sia per l’asilo pubblico che privato. Contestualmente, ai fini dell’ottenimento dell’importo massimo di 1.000€, il richiedente dovrà dichiarare che lo stesso minore è già iscritto all’anno scolastico successivo.

Dopodiché, la documentazione relativa alla retta nei mesi di settembre, ottobre, novembre e dicembre 2017 dovrà essere inviata entro la fine del mese di riferimento (non oltre il 31 dicembre).

Nel caso del minore iscritto per la prima volta all’asilo nido nell’a.s. 2017/2018, invece, la presentazione della domanda si potrà fare solo dopo aver ottenuto la documentazione che dimostra l’avvenuta iscrizione. Quindi, per l’invio della domanda per il Bonus Nido bisognerà prima iscrivere il proprio figlio a scuola.

In entrambi i casi la documentazione richiesta deve presentare:

  • denominazione e la Partita Iva dell’asilo nido;
  • Codice Fiscale del minore;
  • mese di riferimento;
  • gli estremi del pagamento;
  • il nominativo del genitore che sostiene l’onere della retta.

Ma quando si può presentare la domanda?

La domanda si può inviare dal 17 luglio al 31 dicembre 2017 in via telematica tramite una delle seguenti modalità:

  • WEB : dal sito dell’INPS facendo l’accesso utilizzando il proprio PIN dispositivo, lo SPID o la Carta Nazionale dei Servizi;
  • Contact Center Integrato: chiamando il numero verde INPS 803.164 gratuito da rete fissa o numero 06 164.164 da rete mobile a pagamento;
  • Patronato.

Per maggiori informazioni visita il sito INPS oppure leggi la Circolare N. 88 del 22/05/2017.

Fonte: http://www.notizieinformazioni.com/fisco-tasse-ultime/bonus-nido-2017-requisiti-domanda-inps/

 

 

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin

LuccaGiovane 2016 | Tutti i diritti riservati

Il sito LuccaGiovane utilizza cookie tecnici per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione o effettuando uno scroll, l'utente dichiara di accettare. Più Info

I cookie di questo sito sono configurati in modalità "Abilita cookie" per offrire la migliore esperienza di navigazione. Proseguendo nell'utilizzo di quesot sito senza modificare le impostazioni del browser o cliccando su accetta, acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Chiudi