Aperto Spazio Servizi Diurni

È aperto da lunedì 2 marzo il nuovo Spazio servizi diurni di via Brunero Paoli che affianca e completa, accanto ai dormitori e alla mense, il sistema di punti di riferimento e accoglienza per le persone più fragili sul territorio comunale con un progetto elaborato in collaborazione fra associazioni ed enti che fanno capo al Tavolo delle Marginalità. Gli ambienti del nuovo spazio servizi sono stati ristrutturati grazie a una collaborazione fra Arcidiocesi di Lucca – Ufficio Caritas, Casa della Carità e Comune di Lucca con il progetto regionale – PON inclusione PO I Fead – finanziato con fondi ministeriali ed europei. Il nuovo Spazio servizi diurni si articola su due piani attrezzati: in particolare al primo piano ospita tre bagni e una stanza con due lavatrici e due asciugatrici per il servizio docce e lavanderia. Al secondo piano è stata invece allestita una sala accoglienza – ristoro dove troverà posto un operatore con una postazione dotata di computer per fornire anche un servizio di orientamento ai servizi territoriali mentre al piano terreno è già presente da alcuni anni il punto distribuzione dei kit di prima necessità gestito dal Gruppo volontari accoglienza immigrati.

Il nuovo servizio è aperto dal lunedì al sabato dalle 8:30 alle 11:30 ed è pensato come un luogo di approdo che, oltre a fornire servizi essenziali, ascolterà e indirizzerà agli altri servizi del territorio persone in difficoltà con la finalità di evitare la marginalizzazione e favorirne attivamente il un rientro in un percorso inclusivo nella società. L’accesso non è destinato solo a chi si trova in strada senza un tetto, ma anche alle nuove povertà, persone e famiglie in gravi difficoltà, sprovviste di alcuni servizi essenziali in casa. La richiesta di accesso può essere fatta al Cento ascolto del Gruppo volontari accoglienza migranti in via del Fosso 170 o alla Caritas in piazzale Arrigoni 2, è inoltre attivo un numero verde per informazioni o segnalazioni 800 662 999 gestito da Croce Verde pubblica assistenza di Lucca. Ogni quindici giorni, valutate le richieste, saranno distribuiti buoni che daranno accesso ai servizi con un totale di accessi giornalieri fra le 10 e le 15 persone rispettando le nuove normative di sicurezza per prevenire la diffusione del nuovo coronavirus. Nel centro saranno presenti operatori e volontari, con l’intento di far crescere la relazione e la vicinanza alle persone più fragili.

Fonte: Gazzetta di Lucca

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin

LuccaGiovane 2018 | Tutti i diritti riservati

Il sito LuccaGiovane utilizza cookie tecnici per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione o effettuando uno scroll, l'utente dichiara di accettare. Più Info

I cookie di questo sito sono configurati in modalità "Abilita cookie" per offrire la migliore esperienza di navigazione. Proseguendo nell'utilizzo di quesot sito senza modificare le impostazioni del browser o cliccando su accetta, acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Chiudi